3.0 Working LAB

[Chat WhatsApp]

Giulio:  Amore, ciao, indovina un po’? Oggi mi hanno consegnato il tablet aziendale. Le foto sono in altissima definizione…

Giada: Daiii, sono contenta, così finalmente ti svecchi… ☺ ☺ ☺ ci voleva un po’ di tecnologia nella tua borsa piena di brochure

Giulio: Ma mi ci vedi davanti ad uno specialista vecchio stampo con questo aggeggio???

Giada: Papà, scusa, se ti hanno dato un tablet aziendale, in qualche modo dovrai pure usarlo

Giulio: Dici?

Il dialogo tra Giulio e sua figlia Giada è tipico delle relazioni tra Genitori immigrati digitali, più o meno resistenti, e Figli nativi digitali, più o meno consapevoli.

Giulio è un informatore scientifico d’esperienza: lavora nel settore farmaceutico da 20 anni. Nei suoi primi incontri con i medici utilizzava visual che sembravano dischi in vinile! Ne ha visti di cambiamenti: ora va in giro con una borsa piena di brochure patinate: più che materiale scientifico, sembrano bozzetti pubblicitari… Piano piano, si è dovuto adattare a questa nuova modalità di comunicazione, non senza difficoltà…

Giada è la sua figlia maggiore. Ha 26 anni, appena laureata, ha iniziato uno stage in un’agenzia di comunicazione. Si occupa di web content design. E’ iper-tecnologica e iper-digitale: non vivrebbe senza il suo smartphone. Le mancherebbe il respiro. Ma è tipico della sua generazione: questo Giulio lo sa bene, tanto che ha imparato ad usare WhatsApp, ogni tanto curiosa su Facebook e segue un blog sul bricolage, la sua passione per il tempo libero.

Ma il tablet al lavoro, no, e poi no. E poi, gli specialisti cosa penserebbero nel vedermi impacciato con quel mostricciatolo fra le mani. Ma possibile che uno a 55 anni si deve rimettere in discussione e cambiare metodi di lavoro? Le brochure che mi prepara il marketing sono così chiare… mah… io non capisco.

Questo è il pensiero di Giulio. L’azienda si aspetta da lui un’evoluzione sia nell’uso degli strumenti, sia nell’approccio all’incontro con i medici. Ma lui non vuole mettere in discussione le sue competenze. Sua figlia Giada è nata con il tablet in mano! Mentre per lui significherebbe rifare tutto dall’inizio… Non ci sta. E’ una questione di principio.

E poi, cosa ci guadagna?

Sei un immigrato digitale? Vuoi mettere in campo competenze digitali utili per la tua professione? Vuoi utilizzare i devices tecnologici mobile come smartphone e tablet in modo funzionale sul lavoro? Vuoi dialogare in modo più consapevole con i tuoi figli, nativi digitali?

Allora #entra in contatto. Non perdere Working LAB: la soluzione Contatto che ti prepara all’incontro con le competenze e le tecnologie digitali, sia per le tue relazioni professionali, sia per quelle personali.