Professionisti 3.0

Professionisti 3.0

Gli incontri di open innovation mi fanno sempre riflettere su quanto l’ingegno di una persona possa cambiare il mondo…

Così pensa Eleonora tra sé e sé, mentre rientra a casa, dopo aver partecipato a un evento, in cui alcuni istituti di ricerca europei, università e start up hanno presentato una rassegna di soluzioni tecnologiche per la realtà aumentata. Ha appena postato su Facebook una foto che la ritrae vicino al prototipo di visore sviluppato dalla start up vincitrice della rassegna, quando un suo carissimo amico commenta:

Ele, ciao, che ci fai in un evento dedicato ai visori di realtà aumentata? Non ti occupi più di marketing???


Eleonora è una Marketing Manager, ma ha capito che per esprimere il massimo valore nel suo mestiere, deve allenare la mente a proiettarsi nel futuro, a includere punti di vista alternativi, a crearsi un network di contatti in grado di stimolarla su nuove idee e progetti, sfruttando le potenzialità di connessione offerte oggi dalla rete. 


Ecco perché partecipa a quegli eventi: Eleonora vuole diventare una Professionista 3.0 e per questo si allena per sviluppare alcune competenze chiave per il SUO futuro. Gli incontri di open innovation, che sembrano distanti dal suo mestiere, le consentono di allenare ad esempio il pensiero generativo-creativo e l’orientamento alla simplexity e al simple working.


Agire da Professionista 3.0 significa avere un approccio al lavoro innovativo ed evolutivo, in contatto con un network e in grado di sviluppare soluzioni alternative, anche divergenti, capitalizzando i benefici che derivano dalle tecnologie digitali.


Ecco le 12 Competenze del nuovo professionista 3.0:

  1. GENERATIVE THINKING. Pensiero Strategico, Divergente e Creativo, per trasformare le idee e renderle progetti da costruire

  2. INNOVACTION. Orientamento al Futuro, per immaginare scenari visionari e prevedere alternative non ovvie

  3. SIMPLEXITY. Organizzazione della complessità, per individuare soluzioni semplici a problemi apparentemente complessi

  4. EMPLOYABILITY. Imprenditorialità e Self-Empowerment, per incrementare la propria professionalità seguendo una logica trasversale e integrativa, che vada oltre la iper-specializzazione

  5. VISUAL SKILLS. Infographic Communication, per condividere la propria identità professionale e personale in modo originale, cool, contagioso e virale

  6. I-LEADERSHIP. Leadership digitale per utilizzare le tecnologie digital e social, rendendole strumenti innovativi a sostegno del people management

  7. RESULTS. Ingaggio verso gli obiettivi e i risultati, per spingersi sempre di più nel senso dell’efficacia e dell’efficienza della performance

  8. DEVELOPMENT. Sostegno alla crescita personale e professionale, adottando una prospettiva IN (azienda) e OUT (verso il mercato)

  9. FEED-FORWARD. Delega e Feedback per la valorizzazione delle persone, per spostare il focus dal passato al futuro

  10. INFLUENCE. Influenzamento, impatto e persuasione, per aumentare la credibilità e la legittimazione personale e professionale

  11. MANAGERIAL INCLUSIVE. Plurality e Variety Management, per valorizzare le differenze socio-culturali, di ruolo, di genere e generazionali

  12. LINK.in. Networking e gestione di reti di relazione formali e informali, per potenziare la capacità di stabilire contatti e sviluppare le relazioni e quindi migliorare il proprio sociogramma.


E tu? Quale competenza del Professionista 3.0 vuoi sviluppare?


Alessandra Della Pelle

Between (un po più di 35 anni, ma non diciamo quanto), due figli, un marito (molto paziente) e una passione smodata per Contatto Formazione (di cui sono socio fondatore e partner). Sono una donna imprenditore (con tutti i connessi oneri e onori), che porta la sua esperienza personale sul tema dell'inclusione (e della non inclusione) nei contesti professionali (e non solo). Sto lavorando da qualche anno allo sviluppo delle competenze (individuali e di relazione) di tipo social e digital del professionista 3.0, con gli occhi sempre aperti sul futuro e orientati alla generazione di novità. Per lavoro (in particolare) progetto e metto in pista format esperienziali (con in testa una priorità: la formazione e lo sviluppo delle persone). Ho un vizio: faccio un uso smodato delle parentesi (ma per me gli incisi nella vita sono importanti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *