Le 12 competenze del professionista 3.0

Le 12 competenze del professionista 3.0

La post-modernità raccoglie una sfida fondamentale: dare spazio alle turbolenze che agitano le diverse culture ed i rispettivi valori, le persone e le organizzazioni, gli scambi ed i consumi, accogliendo ed integrando ciò che è complesso e diverso. Per fronteggiare questo scenario dinamico e composito, è necessario che un Professionista 3.0 sia un motore continuo di innovazione. La sua natura evolutiva rende difficile definire in modo univoco il Professionista 3.0, tuttavia non c’è dubbio che per evolversi debba acquisire un nuovo set di competenze strategiche.

Ne abbiamo individuate 12:

  1. GENERATIVE THINKING. Pensiero Strategico, Divergente e Creativo, per trasformare le idee e renderle progetti da costruire
  2. INNOVACTION. Orientamento al Futuro, per immaginare scenari visionari e prevedere alternative non ovvie
  3. SIMPLEXITY. Organizzazione della complessità, per individuare soluzioni semplici a problemi apparentemente complessi
  4. EMPLOYABILITY. Imprenditorialità e Self-Empowerment, per incrementare la propria professionalità seguendo una logica trasversale e integrativa, che vada oltre la iper-specializzazione
  5. VISUAL SKILLS. Infographic Communication, per condividere la propria identità professionale e personale in modo originale, cool, contagioso e virale
  6. I-LEADERSHIP. Leadership digitale per utilizzare le tecnologie digital e social, rendendole strumenti innovativi a sostegno del people management
  7. RESULTS. Ingaggio verso gli obiettivi e i risultati, per spingersi sempre di più nel senso dell’efficacia e dell’efficienza della performance
  8. DEVELOPMENT. Sostegno alla crescita personale e professionale, adottando una prospettiva IN (azienda) e OUT (verso il mercato)
  9. FEED-FORWARD. Delega e Feedback per la valorizzazione delle persone, per spostare il focus dal passato al futuro
  10. INFLUENCE. Influenzamento, impatto e persuasione, per aumentare la credibilità e la legittimazione personale e professionale
  11. MANAGERIAL INCLUSIVE. Plurality e Variety Management, per valorizzare le differenze socio-culturali, di ruolo, di genere e generazionali
  12. LINK.in. Networking e gestione di reti di relazione formali e informali, per potenziare la capacità di stabilire contatti e sviluppare le relazioni e quindi migliorare il proprio sociogramma.

A sostegno e complemento di un’immagine veritiera e non univoca del Professionista 3.0, oltre alle competenze appena delineate, sarebbe interessante integrare una riflessione sulla possibile rilettura in chiave futuristica, nonché futurofila, di alcune qualità umane tradizionali ed antiche, istituzionali e morali. L’idea è che alcune doti tradizionali possano divenire virtù sempre più inclusive e trasformative.


Alessandra Della Pelle

Between (un po più di 35 anni, ma non diciamo quanto), due figli, un marito (molto paziente) e una passione smodata per Contatto Formazione (di cui sono socio fondatore e partner). Sono una donna imprenditore (con tutti i connessi oneri e onori), che porta la sua esperienza personale sul tema dell'inclusione (e della non inclusione) nei contesti professionali (e non solo). Sto lavorando da qualche anno allo sviluppo delle competenze (individuali e di relazione) di tipo social e digital del professionista 3.0, con gli occhi sempre aperti sul futuro e orientati alla generazione di novità. Per lavoro (in particolare) progetto e metto in pista format esperienziali (con in testa una priorità: la formazione e lo sviluppo delle persone). Ho un vizio: faccio un uso smodato delle parentesi (ma per me gli incisi nella vita sono importanti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *