Competenze del Professionista 3.0 – #5 Visual Skills

Competenze del Professionista 3.0 – #5 Visual Skills

SAI visualizzare quello che SAI?

VISUAL SKILLS. Info-Graphic Communication, per condividere la propria identità professionale e personale in modo originale, cool, contagioso e virale

Ehssì, avete letto bene il titolo del post. Oggi è strategico saper visualizzare le proprie conoscenze, saperle rendere in modo visivo: Essenziale, Esaustivo e Evoluto.

Non sono la prima a dire che una delle competenze chiave per il futuro si definisce Data Visualization. Che non è la capacità di rendere dati qualitativi in mirabolanti quadri sinottici. Che non è la capacità di sintetizzare grandi moli di dati qualitativi. Ma che è la capacità di integrare contenuti qualitativi e quantitativi, creando per chi legge/ascolta un incontro piacevole e utile con le nostre conoscenze.

La prima E, quella di Essenziale, sta per sintetico.

Basta con documenti o email kilometriche: #machiselilegge?

La seconda, quella di Esaustivo, sta per completo: #vogliotuttoinsiemeesubito!

La terza, quella di Evoluto, sta per innovativo: #cosamifaivederedinuovooggi?

Uno degli strumenti più efficaci per le Visual Skills è l’Info-grafica: non si sa ancora bene se si tratti di una forma d’arte o di comunicazione. Io sostengo: entrambe! Le Info-grafiche possono essere realizzate in modalità intuitiva, semi-professionale o professionale; attraverso desktop tool o web tool; statiche o dinamicheCe n’è per tutti i gusti.

Il web prolifera di soluzioni più o meno tutoriali per la realizzazione delle Info-grafiche.

PANICO.

Come orientarsi? Io suggerisco vivamente di fuggire i tool per la produzione di ogni tipo di Info-grafica… almeno fino a quando non si è pronti per progettare un contenuto (un insieme di dati) secondo i principi della comunicazione info-grafica. Altrimenti le Info-grafiche possono imprigionarci davanti ai nostri dispositivi digitali per un intero pomeriggio, di fronte alla texture di una freccia o di un qualsiasi altro elemento di layout… Il valore aggiunto di una Info-grafica deriva soprattutto dal processo logico sotteso alla sua costruzione. Forse è questo che mi piace di più delle Info-grafiche: in un certo senso consentono di ri-ciclare le informazioni, dando loro un nuovo senso, un significato ulteriore, già per il fatto di stare lì, tutte insieme, in unico frame, in cui, ogni elemento, ogni tratto, ogni parola… ha un chiaro diritto di esserci.

Lo ammetto: #ameleinfografichepiacciono: non lo nascondo, chi lavora con me lo sa bene! Mi piace pensarle e mi piace costruirle. E forse perché mi aiutano ad esercitare la capacità di sintesi, a frammentare i contenuti in pochi blocchi concettuali e… a scovarne sempre una nuova, una modalità grafica diversa, alternativa, mai vista.

Adesso capisco la mia amica stimatissima Morag Mc Gill quando fu la prima a definirmi Learning Engineer… l’aveva capito che mi piace costruire (conoscenze)… 


Alessandra Della Pelle

Between (un po più di 35 anni, ma non diciamo quanto), due figli, un marito (molto paziente) e una passione smodata per Contatto Formazione (di cui sono socio fondatore e partner). Sono una donna imprenditore (con tutti i connessi oneri e onori), che porta la sua esperienza personale sul tema dell'inclusione (e della non inclusione) nei contesti professionali (e non solo). Sto lavorando da qualche anno allo sviluppo delle competenze (individuali e di relazione) di tipo social e digital del professionista 3.0, con gli occhi sempre aperti sul futuro e orientati alla generazione di novità. Per lavoro (in particolare) progetto e metto in pista format esperienziali (con in testa una priorità: la formazione e lo sviluppo delle persone). Ho un vizio: faccio un uso smodato delle parentesi (ma per me gli incisi nella vita sono importanti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *